Blog dedicato alle ultime novità e alla consulenza finanziaria e patrimoniale

I Millennials, la nuova generazione che condiziona la finanza

Matteo Spairani, consulente finanziario

News

Può una sola generazione influenzare i mercati finanziari? La risposta è sì. Vediamo come.

Il legame tra finanza e società è indissolubile: a suo tempo, ogni generazione è stata caratterizzata da una serie di esperienze che l’hanno spinta a fare delle scelte di investimento, a prendere la decisione che in quel momento sembrava più saggia, più proficua, più duratura. Proprio perché esiste questo legame è necessario che un consulente finanziario sia sempre aggiornato, sia sulle nuove tendenze sia sui nuovi investitori.

Tecnologia, servizi su misura e impegno sociale sono i capisaldi che guidano la generazione che ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo della finanza, i Millennials.

Chi sono i Millennials

In base al periodo storico i mercati hanno sempre spinto più su un prodotto finanziario rispetto a un altro, complici anche le generazioni e le prospettive di vita: se pensiamo ai Baby Boomer – le persone nate tra il 1945 e il 1960 – ci riferiamo a coloro che sono vissuti dopo la seconda guerra mondiale, in un contesto sociale fatto di grandi opportunità lavorative e investimenti legati strettamente al singolo individuo o alla famiglia, senza pensare alle prossime generazioni. Lo scopo di questa generazione era, a suo tempo, quello di mettere da parte i soldi e investirli in azioni o obbligazioni nel medio-lungo periodo per avere un gruzzolo in più da attingere oltre alla pensione.

In contrapposizione ai Baby Boomer troviamo i Millennials – nati tra il 1981 e il 1995 -, i figli della Generazione X – le persone nate dal 1961 al 1980. I Millennials sono quella generazione diventata adulta nell’epoca della presa di coscienza: non mettono in dubbio l’impegno delle generazioni precedenti, nonostante siano i più precari e i “figli della crisi”, ma si ritengono quelli più sensibili riguardo alle tematiche importanti – come i MegaTrends -, di responsabilità sociale e ambientale tanto da investire principalmente in modelli di business sostenibili.

Packaging ecosostenibili

La preoccupazione per il pianeta è il focus principale, tanto da essere la prima generazione a preoccuparsi delle generazioni future, volendo lasciare un mondo più salubre, pulito e vivibile. Dalle automobili alla moda, i Millennials prestano particolare attenzione all’ambiente, prediligendo l’elettrico rispetto alle altre fonti non rinnovabili, e all’utilizzo di materiali di recupero, come possa essere il cotone riciclato o i packaging ecosostenibili, cercando di evitare gli eccessivi consumi di plastica o di altri materiali inquinanti e difficilmente smaltibili.

Questo comportamento, o presa di coscienza, ha costretto le aziende ad adottare una “nuova visione”, più green per l’esattezza, per essere prese in considerazione da questa nuova generazione sia per quanto riguarda l’acquisto di beni e servizi, sia nelle scelte di investimento.

Capire la generazione per comprendere i loro investimenti

Per comprendere appieno i Millennials bisogna considerare i retroscena in cui sono vissuti.

Influenzati da eventi storici come l’11 settembre, sono quella generazione che è nata e cresciuta con l’evolversi di Internet e i social media. Apparecchi tecnologici come smartphone, tablet e computer non hanno segreti, sono parte integrante della loro vita e non costituiscono una novità come per le generazioni precedenti.

Spazio condiviso Millennials

Vivendo nell’epoca della precarietà, il posto fisso non è il loro principale interesse: molti prediligono la libertà e il benessere lavorativo. La maggior parte, infatti, opta per essere un freelance e condivide spazi di lavoro come il coworking rinunciando alle quattro mura dell’ufficio. Sono aperti al confronto, alla sperimentazione di nuove idee e alle novità proposte dal mercato (solo se in linea con il loro pensiero).

I Millennials fanno valere le loro opinioni, infatti, tanto da utilizzare i social network come strumento per approcciarsi con le aziende e commentare i loro prodotti e servizi.

Gli interessi dei Millennials

Come detto poc’anzi i Millennials sono la generazione che sta vivendo appieno l’attività economica. Capire i loro interessi, che spaziano dalla tecnologia alla sostenibilità, non è semplice ma è molto importante. Un buon consulente finanziario deve capire la visione di ogni suo cliente per consigliargli i migliori investimenti che lo aiutino a raggiungere gli obiettivi e come investire i primi risparmi.

Non rappresentano quella generazione che ha un obiettivo fisso, come l’acquisto di una casa, ma vogliono investire su un qualcosa che loro ritengono importante e fondamentale e, soprattutto, che non metta al centro solo il benessere del singolo ma quello sociale. Questa loro visione può destabilizzare non poco aziende ed esperti analisti.

Detto questo, non possiamo quindi che ipotizzare quali possano essere i settori di investimento presi in considerazione dai Millennials quelli che dunque, nei prossimi anni, potrebbero avere un’impronta importante nei mercati finanziari:

  • automazione: servizi sempre più facili e veloci sia in ambito della finanza sia per quanto riguarda gli acquisti online. Il loro interesse non si riduce al prezzo del prodotto, ma quanto può essere utile in base alle loro esigenze e che effetto ha questo sul pianeta
  • personalizzazione: la customization, servizi ad hoc, sono uno degli interessi principali di questa generazione. La definizione di lusso per loro non è il prodotto costoso, ma diventa sinonimo di avere un prodotto/servizio su misura, un qualcosa di personalizzato
  • piano pensionistico: in relazione alla personalizzazione, per una generazione in cui l’età pensionabile si allontana sempre di più, diventa importante la gestione del patrimonio, della propria ricchezza, dei propri risparmi. Per questo, la maggior parte di loro, pensa a un fondo pensione o a un piano di accumulo
  • ecosostenibilità: essendo la generazione più sensibile e consapevole alle problematiche ambientali e sociali, sono quelli che si interessano e sono più propensi a investire nelle tematiche come quella della sostenibilità, nell’ESG e in tutto quello che possa giovare all’ambiente
  • condivisione: i Millennials sostengono la condivisione delle ricchezze, la share economy. Questo inciderà positivamente sia sul mercato delle automobili, si pensi alla nascita di servizi di car sharing come Enjoy o Car2Go, e su quello degli immobili, come l’ottica che sta dietro a Air B&B.
Sharing economy

Capire chi sono i Millennials è dunque fondamentale per comprendere in cosa investono le nuove generazioni e come queste possano influenzare il mercato finanziario.

Come detto nei paragrafi precedenti, un buon consulente finanziario, prima ancora di proporre di investire nei trend di mercato, dovrebbe ascoltare, analizzare e capire la persona che si trova davanti. Far parte di una generazione non significa che tutti gli individui che vi appartengono sono uguali, solo che condividono certi aspetti. Proporre investimenti su misura è, a mio modesto parere, la chiave del successo.

Se stai cercando un consulente finanziario attento e proattivo contattami per una consulenza gratuita.

Hai trovato interessante il mio articolo? Condividilo!

Blog

News e articoli di attualità e finanza

Analisi e approfondimenti legati al mondo della finanza. Gli argomenti sono trattati in modo oggettivo per consigliare il lettore su come comportarsi per tutelare se stesso, il suo patrimonio e le persone care.

Raccontami le tue esigenze, sono qui per aiutarti.

Ascolto attivo delle tue necessità, analisi approfondita della tua situazione patrimoniale e realizzazione di una strategia su misura. Richiedi subito la tua consulenza gratuita e personalizzata.

Menu